Press Tour, l’Isola si racconta


Il Patrimonio Blu attraverso le mille anime delle isole del Golfo

Nelle giornate di sabato 17 e domenica 18 ottobre, il Gac Isole del Golfo ha accolto una delegazione di giornalisti della stampa estera per mostrare le bellezze del nostro territorio fatte di mare terra e cielo. Prima tappa la Visita guidata di Archeo-Bio Marina, i fondali attorno al Castello Aragonese, le meraviglie presenti sotto di noi, il patrimonio sommerso e immerso nel blu… “Parlami dell'esistenza di mondi lontanissimi di civiltà sepolte di continenti alla deriva, di viaggiatori anomali in territori mistici...di più”. Rubando le parole di Franco Battiato della canzone “No Time No Space”, cerchiamo di riassumere l’estrema ricchezza storica che ci lascia piacevolmente impressionati…quanta storia, quante storie vissute prima di noi.

Lungo un’ipotetica strada del #patrimonioblu proseguiamo sulla costa settentrionale direzione Lacco Ameno, a Villa Arbusto, la grande residenza che fu di Angelo Rizzoli. Qui visitiamo il Museo Archeologico di Pithecusae, il nome dato all’isola dai greci. E l’archivio di resti e trascrizioni ci dimostrano come l’isola sia stata punto di riferimento e centro nevralgico nelle epoche passate. È questo che rende il tour affascinante; Ischia meta nazional-popolare dedita al turismo termale, si riappropria della sua eredità, salotto prediletto del mondo culturale e artistico. E da qui bisogna ripartire, da progetti di tutela e promozione del Bello dell’Isola, una diversificazione turistica che può accogliere un pubblico più vasto.

Siamo passati dall’azzurro cristallino del mare, al marrone biscotto della storia ischitana e dei suoi vasi. Ora è la volta di un indirizzo verde: i Giardini La Mortella , a Forio, un parco botanico voluto da sir William Walton, considerato uno dei più grandi compositori inglesi del XX secolo, che visse a Ischia per oltre trent’anni. E ancora una volta il verde, la natura, si unisce alla storia incredibilmente romantica di questo luogo e dei suoi fondatori. La tappa è di quelle che spalancano il cuore e ci raccontano l’anima di un’isola. Raggiungiamo Borgo S. Angelo e, volgendo lo sguardo fuori dal finestrino ci rendiamo conto dell’anima più arcaica dell’isola: montana e contadina fatta di viticoltura e agricoltura. Una scoperta che merita una valorizzazione utile per ridisegnare l’economia di Ischia, ovvero la sua ritrovata anima agricola e “terricola”. Il Borgo dei Pescatori di S. Angelo è un angolo di paradiso, un posto suggestivo reso memorabile dalla stupenda luce che il sole ci ha accompagnato durante tutta la giornata. Il tour organizzato dal Gac prevede la giornata di domenica dedicata all’Isola di Procida, con un giro in barca dove viene presentato il territorio e le peculiarità dell’isola. La visita all'Ex-Carcere di Terra murata e all’Abbazia di S. Michele Arcangelo, luogo ricco di fascino e complesso architettonico di tutto pregio, ci regala un panorama mozzafiato ma anche un forte senso di smarrimento.

A passo spedito ci dirigiamo verso la Marina di Corricella e mente assaporiamo i colori delle casette che si affacciano sulla marina, ascoltiamo una descrizione delle professioni del mare: il pescatore e il maestro d’ascia, il capitano di lungo corso. Il tour è stata un’occasione per entrare nel vivo delle città, nel cuore delle persone, tradizione e modernità si mischiano in perfetto equilibrio, visioni classiche e tensioni contemporanee insieme per un unico obiettivo. Le isole delle Golfo hanno un Patrimonio, le Isole del Golfo sono il Patrimonio…Un Patrimonio Blu!